"Cielo a pecorelle, acqua a catinelle"

Testi canzoni Quarto Podere

Accidentatteatomà

A tu che assumi mille pose
non conosci il valore delle cose
proprio tu che mi hai rotto la copertina
del quarantacinque giri di “Disco Bambina”
a tu che hai suonato il campanello
proprio mentre ero sul più bello
a tu che hai fatto voto di castità
ed infine a tu che credi alla pubblicità

Accidentattettomà
“accidentattettomà e quì becco di to pà”
Accidentattettomà
“accidentattettomà e quì becco di to pà”
Accidentattettomà
“accidentattettomà e quì becco di to pà”
Accidentattettomà
“accidentattettomà e quì becco di to pà”

A tu che hai ingroppato il mio primo amore
mentre io ero in bagno a legger “Le Ore”
e mi hai denunciato il professore
che si è fatto anche lui “Questo Piccolo Grande Amore”
quella sua maglietta fina
tanto stretta al punto che è morta soffocata
ed io non l’ho mai perdonata
anche se pochi anni dopo lei si è suicidata – io le dico

Li mortacci de tù madre
“li mortacci de tù madre, er buzzicone de tù padre”
li mortacci de tù madre
“li mortacci de tù madre, er buzzicone de tù padre”
li mortacci de tù madre
“li mortacci de tù madre, er buzzicone de tù padre”
li mortacci de tù madre
“li mortacci de tù madre, er buzzicone de tù padre”

Accidentattettomà
“accidentattettomà e quì becco di to pà”
Accidentattettomà
“accidentattettomà e quì becco di to pà”
Li mortacci de tù madre
“li mortacci de tù madre, er buzzicone de tù padre”
Li mortacci de tù madre
“li mortacci de tù madre, er buzzicone de tù padre”