"L'acqua fa l'orto."

Testi canzoni Quarto Podere

Glíha più garbo un ciuco a bere a boccia

La vita è molto bella mi disse un giorno un tale
ma mai avrei pensato che mi andasse tutto male
dai tempi della scuola avevo quel sentore
io sono nato grezzo, non sarò mai un signore
con questa voce grossa
i modi troppo goffi
le unghie mangiucchiate
e due capelli un poco mossi
e se mi tratti bene, io poi ti rido in faccia

glíha più garbo un ciuco a bere a boccia

glíha più garbo un fabbro a fare un ricamo
glíha più garbo un boia a fatti ì manicure
glíha più garbo un cignale a rigovernare
síha più garbo noi a sonare ì minuetto

Vagando senza meta un giorno di vacanza
sentì una melodia che usciva da una stanza
entrando poi gridai ďevviva, ma che bello!Ē
anchíio ho trovato della gente al mio livello
con quelle facce sono compagni ideali
anche se non saranno mai dei geni musicali
e in tutti i locali noi perdiamo la faccia

glíha più garbo un ciuco a bere a boccia

glíha più garbo un fabbro a fare un ricamo
glíha più garbo un boia a fatti ì manicure
glíha più garbo un cignale a rigovernare
síha più garbo noi a sonare ì minuetto

glíha più garbo un ciuco a bere a boccia

glíha più garbo un fabbro a fare un ricamo
glíha più garbo un boia a fatti ì manicure
glíha più garbo un cignale a rigovernare
síha più garbo noi a sonare ì minuetto
glíha più garbo un diavolo a dire la Messa
glíha più garbo un trinciazolle in Piazza Signoria
glíha più garbo un politico a essere onesto
síha più garbo noi a sonare ì minuetto